Locatelli: “Famiglia tutta juventina, il gol alla Juve e la reazione di nonna...“

Locatelli: “Famiglia tutta juventina, il gol alla Juve e la reazione di nonna...“

TORINO - E’ giorno di presentazioni in casa Juve con la conferenza stampa del nuovo acquisto MANUEL LOCATELLI. Il fresco campione d’Europa, arrivato in bianconero dal Sassuolo, ha risposto alle domande dei giornalisti presso la sala stampa dell’Allianz Stadium: ”QUESTO È SEMPRE STATO IL SOGNO CHE AVEVO DA BAMBINO. Abbiamo una famiglia juventina, ed è una doppia emozione per me. In camera avevo i poster di Nedved, Del Piero e Buffon. Sono sempre stati i miei idoli. Devo calarmi nella parte subito, se sono qui è perché me lo merito e non vedo l’ora di iniziare. LA JUVE È SEMPRE STATA UNA PRIORITÀ PER ME. Adesso fortunatamente sono qui, ma la trattativa non è stata facile. C’è stato un momento in cui sono stato in pensiero ma per fortuna poi è andato tutto bene. Darò tutto me stesso perchè siamo qui per vincere. MI METTERÒ A DISPOSIZIONE DI SQUADRA E MISTER, molto contento dell’accoglienza”. [Locatelli, emozione Juve: le foto della presentazione] Guarda la gallery Locatelli, emozione Juve: le foto della presentazione

LOCATELLI: “UN ORGOGLIO ESSERE ALLENATO DA ALLEGRI”

E’ pronto per la nuova avventura Locatelli, per mettersi AL SERVIZIO DI ALLEGRI: “Mi ricordo di alcuni momenti al Milan, e per me è un orgoglio essere allenato da lui. Sono pronto a imparare perché sicuramente devo migliorare tanto. Sarà un centrocampo dove ci muoveremo molto. Il mister chiederà sicuramente di verticalizzare e io mi farò trovare pronto per fare quello che chiederà”. [Locatelli: “Famiglia tutta juventina. É un sogno”] Guarda il video Locatelli: “Famiglia tutta juventina. É un sogno”

LOCATELLI: “L’EUROPEO MI HA AIUTATO MOLTO”

“Mi ha impressionato la mentalità che hanno, quando Bonucci è venuto al Milan si vedeva che aveva una mentalità diversa. Ci siamo sentiti in questo periodo e L’ABBRACCIO CON GIORGIO È STATO BELLISSIMO quando sono arrivato. Lui mi tratta come un fratellino”. Le due colonne della difesa juventina sono state figure preziose per Locatelli anche durante l’avventura trionfale con la Nazionale: “L’EUROPEO MI HA AIUTATO A GESTIRE QUESTI PALCOSCENICI. Se saltelli segna Locatelli? E’ la prima volta che lo sento perchè non segno tanto, ma se me lo hanno fatto è perchè i tifosi si apsettano questo”. Eppure uno dei primi gol in carriera il centrocampista lo aveva realizzato a San Siro, con la maglia rossonera, poprio contro la Juve: “Il Milan resterà una pagina bellissima per me, IL GOL A BUFFON È STATO INCREDIBILE, avevo 18 anni, mia nonna juventita sfegatata mi guardò e mi disse che era stato un bel gol, ma era regolare anche quello di Pjanic. Forse non ero pronto però, perchè dopo ho sofferto tanto, mi sono ripreso grazie al Sassuolo”. [Locatelli: “In camera avevo i poster di Nedved, Del Piero e Buffon”] Guarda il video Locatelli: “In camera avevo i poster di Nedved, Del Piero e Buffon”

LOCATELLI: “NON SONO AL 100%, MA VOGLIO GIOCARE”

Grandi giocatori quelli che Locatelli si ritroverà al suo fianco, ma importanti anche gli allenatori che gli hanno permesso di arrivare alla Juve: “RONALDO LO GUARDAVO VINCERE LE PARTITE, lo guardavo su youtube, e ora posso giocarci iniseme. Ma anche Dybala e tanti altri campioni ci sono in questa squadra con i quali sono contento di giocare. DE ZERBI È UN MANIACO, sta attento a tutti i dettagli. La fiducia dell’allenatore conta tantissimo, con De Zerbi ci sentiamo anche adesso. Per me è stato importante perchè mi ha risollevato da un momento non semplice a livello mentale. LA DOTE DI MANCINI È QUELLA DI DARE SERENITÀ AI SUI GIOCATORI, con lui ho vissuto qualcosa di incredibile che porterò sempre dentro”. Ora una nuova avventura per il classe 1998 che spera di imitare un grande del passato bianconero: “Marchisio è stato molto importante per la Juve, l’ho sentito prima di venire qui. Ripercorrere la sua carriera sarebbe fantastico, ma non sarà facile. Non so se siamo i favoriti per lo Scudetto, ma vogliamo vincerlo perchè questa è la nostra mentalità. Al momento non sono al 100% però sono pronto e voglio giocare, comunque decide il mister. IL 27 SARÀ IL MIO NUMERO DI MAGLIA, è un numero che mi piace, il 7 mi porta fortuna e spero che sia di buon auspicio”. [Locatelli: “Orgoglioso di essere allenato da Allegri”] Guarda il video Locatelli: “Orgoglioso di essere allenato da Allegri”

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/juve/2021/08/20-84638954/locatelli_si_presenta_la_juve_e_sempre_stata_una_priorita_per_me_/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: